Consegnare i libri a domicilio in una città improvvisamente vuota e con la propria libreria dove non è possibile svolgere eventi aperti al pubblico. La libraia Cristina Di Canio, proprietaria de “La scatola Lilla” in via Sannio a Milano, non è nuova a idee originali per promuovere la lettura e invitare le persone a leggere. Stavolta, causa l’emergenza coronavirus, ha deciso di lanciare l’iniziativa #libriantidoto sui social e per le strade (deserte) di Milano.

“Francesca, un’amica mi ha detto: ‘visto il deserto in libreria potresti consigliarci dei libri come antidoto di questi giorni’ Le ho risposto che sarebbe stato ancora più bello coinvolgere i lettori e chiederlo proprio a loro”. Così Cristina ci spiega come è nata la lodevole iniziativa, visibile sulle stories Instagram e all’interno della rubrica #libriantidoto. Una campagna social lanciata solo pochi giornii fa, ma che in poco tempo ha già raccolto numerose adesioni. “Stanno arrivando centinaia di consigli di lettura!”

Cristina, il cui impegno lodevole per la promozione della lettura ha già dato vita a iniziative virali come #librosospeso e #libraioinvaligia, in questi giorni sta consegnando i libri a domicilio sia a coloro che li hanno ordinati per mail, sia a chi sta sottoscrivendo gli abbonamenti. Nel frattempo, la libraia sta preparando anche uno scaffale fisico in libreria con tutti i libri antidoto da ritirare presso la Scatola Lilla. In attesa che l’emergenza Coronavirus si ridimensioni, speriamo che sempre più persone si lascino contagiare dai #libriantidoto , dando vita all’unica viralità che a noi piace: la passione per lettura.