«La domanda che si pongono tutti gli amanti dei libri è come cambierà la realtà delle librerie, quando saremo usciti dal tunnel nel quale l’emergenza sanitaria ci ha costretti. Secondo me, la crisi attuale non farà che confermare una tendenza già in atto: le librerie in grado di stare sul mercato, e di starci bene, saranno come sempre quelle animate da librai consapevoli di essere operatori culturali, librerie che esprimono qualità, passione e motivazione, sia nel servizio al cliente sia nell’assortimento».


Leggete pdf QUI la versione integrale del'articolo del presidente del Centro per il libro e la lettura Romano Montroni Il destino dei libri, apparso domenica 29 marzo 2020 sul Corriere di Bologna.