Federica De Paolis è la vincitrice della seconda edizione del Premio letterario DeA Planeta, al quale ha concorso con lo pseudonimo di Paola Punturieri con l'opera inedita Le imperfette. E' un romanzo sulla famiglia, l'amore, il tradimento e la necessità di prendere coscienza di se stessi, presentato con il titolo provvisorio Apri gli occhi. A causa dell'emergenza sanitaria la cerimonia di premiazione si è svolta online.

La giuria è composta da Pietro Boroli, presidente De Agostini, Claudio Giunta, docente e scrittore, Rosaria Renna, conduttrice radiofonica e televisiva, Simona Sparaco, vincitrice della prima edizione del premio e Manuela Stefanelli, direttrice Libreria Hoepli. La De Paolis, nata a Roma nel 1971, già autrice di romanzi pubblicati da Fazi, Bompiani e Mondadori come Lasciami andare, Ti ascolto, Rewind e Notturno Salentino, ha vinto il premio di 150.000 euro, la pubblicazione in Italia con DeA Planeta e in lingua spagnola presso case editrici del Gruppo Planeta e le traduzioni in inglese e francese del romanzo.

"Ho partecipato al premio con uno pseudonimo, Paola Punturieri che è il nome di mia madre. L'ho persa molti anni fa, ma mentre aspettavo l'annuncio del vincitore, in questo tempo strano che ci ha imposto la pandemia, in giorni in cui mi è sembrato di vivere come sott'acqua, in un mondo attutito e silenzioso, mi sono ritrovata spesso a parlare proprio con lei, come se fosse qui con me. È stato surreale e magico. Questa vittoria la dedico a mia madre e a tutte le donne. Le Imperfette è una storia sul desiderio, sull'apparenza e la capacità di superarla, il coraggio di mettere a fuoco se stessi e gli altri, e soprattutto ritrovarsi" ha detto la De Paolis che è anche dialoghista cinematografica e autrice televisiva e ha insegnato all'Istituto Europeo di Design.