ilLibraio.it, recentemente rinnovato e utilizzato da 1,4 milioni di utenti unici, rende omaggio a Luis Sepúlveda, scomparso a causa del coronavirus, con un palinsesto di incontri e iniziative che coinvolgeranno molte scrittrici e scrittori ma anche chi vorrà trovare uno spazio aperto e disponibile, seguito da moltissimi lettori, per parlare di libri, di manifestazioni e iniziative che coinvolgono tutta la filiera del libro: autori, librai, giornalisti, editori, bibliotecari.

Il sito offrirà a partire dal 15 giugno sui suoi canali Instagram e Facebook una serie di incontri per conoscere le novità editoriali più rilevanti, per discutere di temi di attualità, e per portare al pubblico approfondimenti e discussioni che si generano intorno ai libri.

Stefano Mauri, Presidente e Amministratore Delegato di GeMS, fondatore de ilLibraio.it, e fautore di questa nuova iniziativa, spiega così l’idea che ne è stata l’origine: “Quanto sarà cambiato il mondo dopo il virus? Torneremo a devastarlo come prima, o cercheremo di camminare sulla Terra con piede più leggero? Che influenza avrà sulla letteratura questo evento epocale? La globalizzazione va messa in discussione? Di quali storie abbiamo bisogno? L’epidemia ci lascerà in eredità un mondo diverso. Vogliamo dare il nostro contributo a elaborare il passato, il presente e il futuro per un mondo più accettabile per tutti. E vogliamo usare per questo il tocco lieve degli incontri on line. Nei libri cerchiamo sempre qualcosa che ci indichi la strada da percorrere, come faceva Luis che sapeva sempre stare dalla parte giusta”.

LibLive, questo il nome dell’iniziativa dedicata a Luis Sepúlveda, al suo impegno civile e alla sua idea di letteratura, avrà tre contenitori pensati per ospitare gli eventi. Tutti e tre prendono il nome da fortunati libri di Sepúlveda in omaggio al grande scrittore letto da adulti e bambini scomparso di recente: La frontiera scomparsa, che ospiterà libri che offrono spunti di approfondimento su temi di politica, storia, attualità, Storie ribelli, uno spazio per appuntamenti irriverenti e fuori dagli schemi, e Formidabili passioni, un appuntamento focalizzato sulle nuove uscite editoriali, le nuove scoperte, che potrà anche portare il lettore ad esplorare il dietro le quinte della produzione editoriale delle varie case editrici.

Si comincia lunedì 15 giugno dalle ore 18.00 con il primo appuntamento di Frontiera scomparsa. In diretta Instagram inaugurerà il programma l’incontro tra Francesco Filippi, autore per Bollati Boringhieri del saggio Ma perché siamo ancora fascisti? e Helena Janeczek, vincitrice del Premio Strega 2018 con il romanzo pubblicato da Guanda La ragazza con la Leica.

Il 17 giugno ci sarà Enrico Galiano, insegnante e scrittore, tornato in libreria per Garzanti con Dormi stanotte sul mio cuore, il 19 giugno Ilaria Tuti, autrice per Longanesi del romanzo Fiore di roccia dialogherà con Antonella Nonino e Lavinia Manfrotto della Libreria Palazzo Roberti. A seguire Vito Mancuso parlerà di paura e coraggio, Javier Cercas in libreria con il nuovo romanzo Terra Alta (Guanda) dialogherà con Marco Malvaldi, Manuel Vilas e Laura Pezzino parleranno del nuovo libro La gioia, all’improvviso (Guanda), Reinhold Messner ricorderà l’anniversario della prima dell’ascensione dell’Everest in occasione dell’uscita del libro Everest solo (Corbaccio), e a seguire molti altri autori tra cui Glenn Cooper, Andrea Tarabbia, vincitore del Premio Campiello 2019 e Ade Zeno finalista al Premio Campiello 2020 (Bollati Boringhieri), e Paolo Nori (Salani).