A Pesaro c’è una città intera che legge e in nome della lettura si mettono in moto molte buone energie. Perché leggere migliora la vita e aiuta a costruire una società più civile. Per questo, domenica 24 maggio Pesaro "Città che Legge" lo farà ‘ad alta voce’, in un’imponente maratona di lettura digitale che coinvolge tutta una comunità che lavora per amore dei libri: le biblioteche, le scuole, le librerie, le associazioni, gli scrittori e i poeti, i partner e amici del progetto.

Dalle 15 in poi, più di 85 contributi con oltre 90 lettori di ogni età, saranno live sulle pagine fb Pesaro Cultura e Pesaro Città che Legge e sui gruppi Casa Pesaro e Io resto a casa/Pesaro Cultura. La maratona andrà in diretta anche su Rossini TV. L’evento del 24 maggio è un’iniziativa messa a punto all’interno del progetto ‘Pesaro Città Che legge’ - riconoscimento ottenuto nel 2017 dal Centro per il libro e la lettura -, ed è promosso dal Comune di Pesaro/Assessorati alla Bellezza, Crescita, Solidarietà, Coesione e benessere. La maratona rappresenta anche l’occasione per rilanciare la raccolta fondi ‘SOS Pesaro’, destinata alle famiglie in difficoltà economica per l’emergenza sanitaria.

A Pesaro la vocazione alla lettura è forte, radicata e appassionata; non c’è luogo dove non si legga. L’eccellenza pesarese - che svetta a livello nazionale ma anche europeo - trae la sua forza dalla ricca presenza di tante realtà strutturate - piccole e grandi, pubbliche e private - che hanno radici profonde nella pratica attiva della lettura e che lavorano con tenacia, ciascuno nel proprio ambito, per la promozione del libro. Sono i soggetti che hanno sottoscritto il Patto per la Lettura con il Comune e che ora hanno risposto con entusiasmo al suo appello. Grazie a loro, quella di domenica 24 maggio sarà una maratona con una grandissima varietà di gusti letterari e proposte - dai classici come Manzoni, Proust, Pirandello o Prévert ai contemporanei come la Ferrante e Bauman solo per citarne alcuni -, pensata anche per bambini ed adolescenti (alcuni di loro leggeranno), ed inclusiva con letture in Braille, LIS (lingua italiana dei segni) e CAA (comunicazione aumentativa e alternativa); insomma, un’offerta trasversale e democratica come la pratica del leggere sa essere.

Sottolinea Daniele Vimini, assessore alla Bellezza: ‘Il Coronavirus ci ha impedito la realizzazione delle quattro notti di lettura in programma dal 16 al 19 aprile cui si era già iniziato a lavorare e che avrebbero coinvolto le tantissime realtà cittadine che partecipano attivamente alla promozione del libro. Per non perdere completamente quell’appuntamento (che resta in qualche modo ‘congelato’), abbiamo pensato ad una maratona che desse spazio a tutti coloro che si impegnano per diffondere la lettura e vi accorgerete che sono davvero in tanti, molto motivati e partner essenziali per l’Amministrazione. Il progetto Pesaro Città che Legge - da cui è nata un’idea vincente e originale come la Patente del Lettore - non sarebbe stato possibile senza tutti loro. Un ringraziamento speciale a Lucia Ferrati e Cristian Della Chiara che hanno collaborato al coordinamento di questo evento.’

L’avvio della maratona alle 15 è affidato ad un intervento dell’assessore alla Bellezza Daniele Vimini. E poi protagoniste del pomeriggio, le letture agili (massimo 3 minuti ad ogni sessione) delle realtà che si sono messe a disposizione con grande generosità e che si ‘portano dietro’ - oltre a chi sarà visibile perché leggerà - un numero non conteggiabile di persone che lavorano alacremente perché la lettura sia sempre più abitudine diffusa e condivisa; nell’ordine in cui compariranno: scuole, associazioni, partner e amici della lettura, biblioteche, librerie e la sezione ‘Pesaro legge ciò che scrive’ con le voci di prosatori e poeti - ma ancor prima lettori forti - della città.