È ampiamente dimostrato che leggere sin dai primi mesi di vita, persino in età prenatale e comunque in età prescolare, rappresenti una buona pratica con importanti riflessi sullo sviluppo neurologico e cognitivo del bambino.

Al fine creare un modello di promozione della lettura per la fascia di età da compresa tra i 0 e i 14 anni il Centro per il libro e la lettura ha avviato, tra il 2012 e il 2015, in collaborazione con enti territoriali e associazioni di categoria quali l’Associazione italiana editori e l’Associazione italiana biblioteche il progetto “In Vitro”. Trattandosi di un progetto sperimentale sono stati selezionati sei territori pilota rappresentativi delle diverse realtà italiane: le province di Biella, Ravenna, Nuoro, Lecce, Siracusa e la regione Umbria. In questi territori sono state attuate diverse attività di promozione (distribuzione di kit per famiglie con neonati, concorsi a premi per scuole primarie e secondarie, attività di formazione per promotori della lettura, creazione di banche dati contenenti buone pratiche di promozione della lettura e selezioni di testi consigliati per le diverse fasce di età).

La buona riuscita del progetto “In Vitro” e la necessità di allineare il nostro paese alla maggior parte dei paesi occidentali – nei quali sono da tempo attivi progetti di promozione della lettura nella prima infanzia – ha portato, lo scorso 8 giugno, alla sottoscrizione di un Protocollo d’intesa tra Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo, Ministero della Salute e Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca allo scopo di promuovere la lettura nella fascia di età compresa tra i 0 e i 6 anni.

Il Protocollo d’intesa per la promozione della lettura nella prima infanzia: programma 0-6 si pone come obiettivo la diffusione della lettura in età prescolare. L’adozione di buone pratiche nella primissima età è infatti fondamentale per la creazione di forti lettori in età adulta. Come previsto dal Protocollo d’intesa, successivamente condiviso con la Conferenza delle Regioni e delle Province autonome, è stato creato un Comitato per la promozione della lettura composto da rappresentanti indicati dai tre Ministeri e dalla Conferenza delle Regioni. Il Comitato ha redatto un Piano d’Azione e ha indicato le sette regioni nelle quali primariamente dare avvio alle iniziative previste: Basilicata, Friuli Venezia Giulia, Liguria, Puglia, Sicilia, Umbria e Veneto.

Il Centro per il libro e la lettura, allo scopo di sensibilizzare genitori, docenti, bibliotecari e operatori sanitari sull’importanza della pratica della lettura ad alta voce sin dalla primissima età, ha stipulato una Convenzione con il Centro per la salute del bambino per dare avvio ad attività di formazione e informazione relative alla lettura nella prima infanzia.

Nell’ambito di tale Convenzione, CSB/Nati per leggere hanno curato, progettato e organizzato, con la supervisione del Centro per il libro e la lettura, 19 Corsi di formazione e informazione che sono stati avviati il 29 settembre 2017 e nei quali vengono distribuiti i due volumi, a cura di Alessandra Sila e Giorgio Tamburlini, destinati a Genitori e Operatori. Il Centro per il libro e la lettura ha inoltre curato la grafica e la redazione delle due pubblicazioni edite dall’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato.